In evidenza

  • condividi
  • |
  • |

29 novembre 2019

CTT a fianco della cultura

Venerdì 29 novembre, in via del Peso (presso Porta San Pietro) è stata presentata la prima pensilina del trasporto pubblico locale dove sarà possibile leggere su un pannello un brano di Giuseppe Ungaretti dedicato a Lucca. L'iniziativa nata da un'idea di Daniela Marcheschi si è concretizzata ed è stata presentata dagli assessori alle politiche formative Ilaria Vietina, al trasporto pubblico Gabriele Bove, da Marco Mandelli di  IGP Decaux (gestore delle pensiline lucchesi), dalla consigliera di CTT Nord Simona Deghelli e da Ilaria Nesti e Marco Rugani di Lucca Holding Servizi.
Sulle pensiline di CTT Nord, gestite da IGP Decaux, grazie alla collaborazione con Lucca Holding e Servizi sarà così possibile ingannare l'attesa dell'arrivo delle navette e bus leggendo brani scelti di alcuni grandi scrittori: Giuseppe Ungaretti, Salvatore Quasimodo, Gabriele D'Annunzio, John Ray, Piero Bigongiari, Pietro Ghilarducci. I nomi e i testi scelti non sono casuali: oltre a esserci una prevalenza della poesia, gli autori sono tutti grandi nomi della letteratura che attraversano epoche diverse. Al centro, poi, c’è sempre Lucca, letta dai propri cittadini e dai viaggiatori.
Tutti gli indicatori statistici italiani parlano dell'abbandono della lettura da parte di giovani ed adulti e questo è uno dei principali motivi a determinare il cosiddetto fenomeno dell'analfabetismo funzionale che coinvolge circa il 28% della popolazione italiana in età adulta. L'amministrazione Comunale grazie alla collaborazione con la critica della letteratura Daniela Marcheschi, con CTT Nord e Lucca Holding e Servizi ha così messo in atto un progetto che ha portato a individuare porta alcuni importanti testi letterari dedicati a Lucca dagli scaffali della biblioteca direttamente ai cittadini sulle pensiline dei bus. “Questo progetto si inserisce fra le iniziative educative già attive sul nostro territorio che collochiamo sotto il marchio “Longlife Learning” che significa formazione continua a tutte le età con i sistemi e i mezzi anche più informali – dichiara l'assessora Vietinamolti recenti studi affermano inoltre la innegabile validità di iniziative di "longwide learning" ovverosia della opportunità di cogliere occasioni formative in ogni ambiente frequentato in modo da rafforzare le competenze di base utilizzando ogni possibile momento e luogo in cui si svolge la vita quotidiana”.
Questi brani, alcuni dei quali poco noti, ci fanno capire la profondità della cultura letteraria della nostra città nel Novecento di cui la professoressa Marcheschi è una delle testimoni e studiose più importanti – commenta l'assessore Bove Unire il trasporto pubblico, il viaggiare lento, l’attesa alle pensiline con il piacere della lettura: un modo per valorizzare la mobilità sostenibile e la conoscenza letteraria e per rendere il trasporto pubblico un elemento che appartiene alla quotidianità dei cittadini”.

Molto soddisfatta anche la consigliera di CTT Nord SimonaDeghelli: “siamo orgogliosi di partecipare a questa iniziativa che coniuga trasporto pubblico locale e cultura”.

Daniela Marcheschi
- è nata e vive a Lucca . È studiosa, docente e critico di Letteratura italiana dagli orizzonti interdisciplinari e di fama internazionale. Ha curato fra l’altro i Meridiani Mondadori delle Opere di Carlo Collodi (1995) e di Giuseppe Pontiggia (2004); e pubblicato Prismi e poliedri. Saggi di critica e antropologia delle arti (Sillabe, 2001). Alcuni dei suoi maggiori saggi si possono ora leggere nel volume Il sogno della letteratura. Luoghi, maestri, tradizioni (Gaffi, 2012).